Aspettando la Giornata della Memoria

Aspettando la Giornata della Memoria

334
Aspettando la Giornata della Memoria
Aspettando la Giornata della Memoria

A Stintino giovedì i ragazzi delle scuole si ritroveranno in biblioteca per una riflessione e un confronto sui temi dell’olocausto.

Una giornata di riflessione per non dimenticare quello che settantatre anni fa avvenne nell’Europa lacerata dalla Seconda Guerra Mondiale: lo sterminio di oltre 15 milioni di persone, tra ebrei e gruppi etnici e religiosi considerati indesiderabili dalla dottrina nazista. È questo lo spirito dell’appuntamento “Aspettando la Giornata della Memoria”: ricordare la storia per superare gli errori e gli orrori di una umanità percorsa da sentimenti terribili e di discriminazione, in programma il 25 gennaio a Stintino.

Giovedì mattina, a partire dalla 10,30, la biblioteca di piazza dei 45 ospiterà i ragazzi delle tre classi delle scuole medie e l’ultima delle primarie di via Lepanto. Con loro gli organizzatori dell’evento e i loro professori e insegnanti che, attraverso alcune letture dei libri classici e non solo sull’olocausto, li guideranno lungo un percorso di conoscenza.

«È importante che quanto avvenuto in Europa, negli anni del secondo conflitto mondiale, sia patrimonio anche delle giovani generazioni – afferma Francesca Demontis, assessora comunale alla Cultura – per acquisire comprensione e consapevolezza. Attraverso il nostro e il loro impegno dobbiamo rafforzare i valori della pace, della comprensione e della convivenza pacifica».

I ragazzi si confronteranno quindi con letture tratte da Una valle piena di Stelle di Lia Levi, Il coraggio della signora maestra di Renzo Bistolfi quindi Storia di una ladra di libri di Markus Zusak. Gli organizzatori, inoltre, sull’argomento hanno preparato per i ragazzi anche una ampia selezione di libri e Dvd.

L’appuntamento è stato organizzato dagli assessorati alla Pubblica istruzione, con l’assessora Antonella Mariani, e Cultura, con l’assessora Francesca Demontis, del Comune di Stintino, con la collaborazione della cooperativa Comes che gestisce la biblioteca comunale.