Tags Post taggati con "storia"

storia

7739
Strada per la Pelosa, ecco il progetto definitivo
Strada per la Pelosa, ecco il progetto definitivo

L’amministrazione comunale il 16 febbraio presenterà alla cittadinanza lo studio che consentirà di eliminare l’asfalto dal tratto di strada che conduce a una delle più belle spiagge del mondo. Previsti lavori per 18 milioni di euro

Un incontro pubblico che servirà a presentare alla cittadinanza il progetto definitivo della spiaggia della Pelosa. Un progetto da 18 milioni di euro che, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale guidata da Antonio Diana, si realizzerà per lotti funzionali. E i primi in programma sono proprio quelli che prevedono lo smantellamento della strada asfaltata nel tratto compreso tra il Gabbiano e la Pelosetta. Lavori importanti che, così è stato previsto, avranno un costo di circa 5,5 milioni di euro.

L’incontro è in programma per il 16 febbraio alle ore 11 nella sala consiliare del Comune di Stintino.

A illustrare il progetto saranno appunto i progettisti che fanno parte del associazione temporanea di professionisti che si sono aggiudicati la progettazione dei lavori. L’appuntamento consentirà di illustrare le azioni che l’amministrazione comunale intende adottare per la tutela, valorizzazione e protezione della spiaggia della Pelosa. Ma sarà possibile conoscere anche alcune aree che potrebbero rientrare all’interno di un piano di espropri finalizzati a ricondurre i terreni nel “patrimonio” dunale, così da essere rinaturalizzati. 

615
Raccolta differenziata, nel 2017 Stintino a quota 71,19 per cento
Raccolta differenziata, nel 2017 Stintino a quota 71,19 per cento

Positivi i risultati in tutto l’arco dell’anno, con punte che hanno raggiunto anche quota 79,57 per cento.

Il paese di Stintino si conferma virtuoso nella raccolta dei rifiuti con un risultato annuo nella raccolta differenziata pari al 71,19 per cento. I dati per il 2017, disponibili all’ufficio tecnico già dai giorni scorsi, mettono in luce l’importante lavoro svolto in questi anni dall’amministrazione comunale. E in particolare, la scelta vincente adottata negli ultimi cinque anni di estendere la raccolta porta a porta a tutto il territorio comunale.

Per oltre la metà del 2017, la raccolta differenziata ha superato la quota del 70 per cento, con punte a febbraio del 75,99, a giugno del 74,69 e a dicembre del 79,57 per cento. Di tutto rispetto anche i risultati registrati nei mesi estivi, quando la popolazione aumenta in maniera esponenziale con l’arrivo dei turisti. A luglio il dato è del 69,35 per cento, ad agosto è del 70,95 per cento e a settembre del 71,39.

Dai dati a disposizione si ricava come la raccolta rifiuti aumenti tra aprile e ottobre, con valori che raggiungono il massimo ad agosto con una raccolta complessiva prossima ai 600mila kg, oltre 162mila kg di raccolta rifiuti solidi urbani e un 70,95 per cento di differenziata.

Tra le quantità maggiori di rifiuti registrate nell’arco dell’anno il primo posto va ai rifiuti biodegradabili di cucine e mense (625.480 kg), a seguire i rifiuti solidi urbani (576.860), imballaggi in vetro (320.880), carta e cartone (213.820) e imballaggi in plastica (163.620).

«Questo dimostra – afferma il sindaco Antonio Diana – che sta funzionando il messaggio che stiamo trasmettendo ai nostri cittadini e a chi trascorre le vacanze nel nostro paese. E nonostante si possano registrare dei cali durante la stagione estiva, il risultato è più che positivo. Adesso puntiamo a una forma più “spinta” di raccolta che ci consenta di far risparmiare i nostri concittadini», conclude il primo cittadino.

562
La storia unisce Stintino e la Slovacchia
La storia unisce Stintino e la Slovacchia

Presentato all’ambasciatore slovacco a Roma il progetto sulle commemorazioni del centenario della Prima Guerra Mondiale.

C’è l’attenzione dell’ambasciatore slovacco Ján Šoth per il progetto di commemorazione del centenario della Prima Guerra Mondiale. La conferma è arrivata nei giorni scorsi a Roma dove il sindaco di Stintino Antonio Diana ha partecipato alle celebrazioni per il venticinquesimo anniversario della nascita della Repubblica Slovacca e dei rapporti diplomatici tra Bratislava e Roma.

L’iniziativa che vede capofila il Comune di Stintino, e la collaborazione del Comune di Porto Torres, del Parco nazionale dell’Asinara quindi l’Università di Sassari e di Belgrado, è stata presentata al diplomatico slovacco che ha mostrato interesse per l’iniziativa culturale del Comune costiero.

Il coinvolgimento della Slovacchia nel progetto avviato già dal 2013 è visto anche in funzione del fatto che, proprio tra il 1914 e il 1918, furono numerosi i soldati slovacchi presenti sull’isola dell’Asinara, assieme ai circa 22.000 soldati dell’esercito austro-ungarico deportati come prigionieri.

Durante l’incontro, al quale era presente anche il segretario generale del ministero italiano degli Affari Esteri Elisabetta Belloni, è stata sottolineata l’importanza dei momenti storici comuni in entrambi i paesi. Fu proprio l’Italia, cent’anni fa, a riconoscere ufficialmente la costituzione della Cecoslovacchia.

È stato ricordato quindi che l’Ambasciata slovacca a Roma quest’anno sarà impegnata in numerosi anniversari ed eventi commemorativi per dare valore alla memoria storica.

Intanto c’è già l’accordo di portare a Stintino, per la prossima estate, una mostra itinerante dall’alto valore storico sulla Prima Guerra Mondiale.

Il sindaco di Stintino Antonio Diana ha colto l’occasione per presentare il progetto europeo “Europa per i Cittadini 2014-2020, incentrato sul concetto d’identità europea come “unità nella diversità” dal 1918 al 2018, al quale il Comune si accinge a partecipare e al quale «avremmo piacere – ha detto il primo cittadino stintinese – che anche l’Ambasciata slovacca fosse un partner di rilievo».

Il sindaco quindi, prima dei saluti, ha donato all’ambasciatore Ján Šoth il libro su Stintino e l’Asinara Il Tempo della Memoria.

421
Da progetti europei azioni di promozione del territorio
Da progetti europei azioni di promozione del territorio

A Stintino un tavolo tecnico per una collaborazione con il Gal Logudoro-Goceano e la Collectivitè territoriale della Corsica.

L’obiettivo è mettere in campo quanto prima una stretta collaborazione con il Gal Logudoro e Goceano quindi con la Collectivitè territoriale de Corse per avviare, attraverso l’accesso a progetti europei, azioni comuni in diversi ambiti. Da una parte scambi scolastici transfrontalieri, dall’altra azioni di educazione allo sport, con la realizzazione di manifestazioni sportive transfrontaliere, quindi ancora azioni comuni transfrontaliere in settori affini e di reciproco interesse.

Sono stati questi i temi principali dell’incontro che si è svolto nei giorni scorsi a Stintino e che ha visto riuniti attorno al tavolo gli amministratori del Comune costiero, quindi del Gal Logudoro e Goceano e della Collectivitè territoriale de Corse.

Una riunione tecnica durante la quale i consulenti della Qcs Consulting e l’esperto dell’Università di Sassari Alberto Carta hanno da subito messo sul piatto le opportunità da sfruttare per l’accesso a fondi europei.

I settori che sembrano aprire da subito opportunità da sfruttare sono quelli del turismo ecosostenibile, della sharing economy e ancora del turismo storico evocativo e religioso. Ambiti di azioni nei quali, è stato fatto presente, il Comune di Stintino ha già avviato alcune azioni in collaborazione con il Gal Logudoro-Goceano e con il Parco nazionale dell’Asinara.

Azioni che possono e danno vita a un’alleanza tra paesi costieri e interni, con particolare attenzione alla valorizzazione delle vocazioni tipiche dei territori, oltre che a un turismo archeologico, rurale e religioso.

È stato ricordato quindi il progetto per il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale 1918-2018 che il Comune di Stintino e il Parco nazionale dell’Asinara sottoporranno nel programma Europa per i Cittadini 2014-2020, la cui scadenza per la partecipazione è prevista per il 1° marzo prossimo.

«Abbiamo costruito un’importante rete di partner con Serbia, Ungheria, Austria, Germania, Slovacchia, Repubblica Ceca – hanno ricordato il primo cittadino Antonio Diana e l’assessora Francesca Demontis – e vorremmo che la Collectivitè territoriale de Corse fosse parte del nostro progetto». I possibili punti di incontro potrebbero prevedere il coinvolgimento delle scuole, degli studenti e delle associazioni giovanili della Corsica in un “Laboratorio della Casa Comune Europa” sull’isola dell’Asinara.

«Il laboratorio – è stato spiegato ancora – potrà coinvolgere anche giovani e studenti di scuole e università dei paesi europei contattati e che hanno già aderito, o stanno aderendo, alla nostra iniziativa».

Si potrà puntare, inoltre, ad azioni di valorizzazione e promozione delle identità linguistiche e nazionali. Il progetto del Centenario, poi, potrebbe essere anche arricchito da quello già portato avanti in Corsica e dedicato ai caduti del 173° reggimento di fanteria, detto anche reggimento Corso, conosciuto anche per il suo motto: “Aiò Zitelli”.

Alla riunione hanno partecipato anche la presidente del Consiglio comunale Marilena Gadau, quindi il vicepresidente del Gal Logudoro-Goceano Giovanni Antonio Sanna, e i rappresentanti della Collectivitè territoriale della Corsica, Direzione gioventù e sport, Alain Pasqualini e Jean-Louis de Zerbi, oltre agli esperti della Qcs Consulting Aldo Panti e Piero Cossu.

167
Aspettando la Giornata della Memoria
Aspettando la Giornata della Memoria

A Stintino giovedì i ragazzi delle scuole si ritroveranno in biblioteca per una riflessione e un confronto sui temi dell’olocausto.

Una giornata di riflessione per non dimenticare quello che settantatre anni fa avvenne nell’Europa lacerata dalla Seconda Guerra Mondiale: lo sterminio di oltre 15 milioni di persone, tra ebrei e gruppi etnici e religiosi considerati indesiderabili dalla dottrina nazista. È questo lo spirito dell’appuntamento “Aspettando la Giornata della Memoria”: ricordare la storia per superare gli errori e gli orrori di una umanità percorsa da sentimenti terribili e di discriminazione, in programma il 25 gennaio a Stintino.

Giovedì mattina, a partire dalla 10,30, la biblioteca di piazza dei 45 ospiterà i ragazzi delle tre classi delle scuole medie e l’ultima delle primarie di via Lepanto. Con loro gli organizzatori dell’evento e i loro professori e insegnanti che, attraverso alcune letture dei libri classici e non solo sull’olocausto, li guideranno lungo un percorso di conoscenza.

«È importante che quanto avvenuto in Europa, negli anni del secondo conflitto mondiale, sia patrimonio anche delle giovani generazioni – afferma Francesca Demontis, assessora comunale alla Cultura – per acquisire comprensione e consapevolezza. Attraverso il nostro e il loro impegno dobbiamo rafforzare i valori della pace, della comprensione e della convivenza pacifica».

I ragazzi si confronteranno quindi con letture tratte da Una valle piena di Stelle di Lia Levi, Il coraggio della signora maestra di Renzo Bistolfi quindi Storia di una ladra di libri di Markus Zusak. Gli organizzatori, inoltre, sull’argomento hanno preparato per i ragazzi anche una ampia selezione di libri e Dvd.

L’appuntamento è stato organizzato dagli assessorati alla Pubblica istruzione, con l’assessora Antonella Mariani, e Cultura, con l’assessora Francesca Demontis, del Comune di Stintino, con la collaborazione della cooperativa Comes che gestisce la biblioteca comunale.

1916
Il borgo dei borghi
Il borgo dei borghi

 

Conoscenza e cultura del viaggio sono gli ingredienti del Kilimangiaro, la trasmissione della domenica pomeriggio di Rai3. In studio con la conduttrice Camila Raznovich si alternano scienziati, linguisti, alpinisti ma anche semplici viaggiatori con storie ed esperienze fuori dal comune. Come ogni anno il Kilimangiaro eleggerà, la sera della domenica di Pasqua, il borgo più bello del 2018. Domenica 21 gennaio conosceremo la storia, le bellezze e le tradizioni di Stintino in Sardegna.

Situato nell’estrema punta a nord-ovest dell’Isola Stintino possiede una delle coste più affascinanti della Regione con spiagge dalla sabbia bianchissima e acque cristalline come quella de “La Pelosa”. Tra le bellezze naturalistiche del luogo anche lo stagno di Casaraccio e quello di Pilo, due importanti riserve riproduttive per l’avifauna.

Da visitare il Museo della Tonnara: racconta la storia della tonnara di Stintino e presenta studi scientifici sul tonno pescato nel territorio. Il pesce è alla base della cucina locale. Tra i piatti tipici la zuppa di patate e aragosta con pescato locale e il polpo alla stintinese, ovvero un’insalata di polpo con patate, aceto e prezzemolo.

NEWS

Un nuovo volto per la spiaggia della Pelosa

1296
Illustrato questa mattina, alla presenza dell'assessora regionale all'Ambiente, il progetto definitivo che prevede lo smantellamento della strada asfaltata che conduce alla spiaggia. Un progetto che...

EVENTI