Tags Post taggati con "turismo"

turismo

939

Cinque delle dieci spiagge più belle d’Italia sono in Sardegna. L’isola domina la classifica nazionale 2017 del portale di viaggi TripAdvisor, in base alla qualità e quantità delle recensioni e del punteggio attribuiti dai viaggiatori negli ultimi dodici mesi. La più amata è in Sicilia, la spiaggia dei Conigli di Lampedusa, seguono al secondo e al terzo posto nelle preferenze Cala Mariolu e Cala Golortzè a Baunei, al quinto La Pelosa di Stintino, sesta Porto Giunco a Villasimius, e Is Aruttas a Cabras chiude la top ten.

“La Sardegna è un’autentica isola-parco dove risplendono, lungo tutti i quasi duemila chilometri costieri, ‘gioielli’ ammirati in tutto il mondo – commenta l’assessore del Turismo, Artigianato e Commercio Francesco Morandi – un patrimonio della natura mantenuto integro grazie all’opera di tutela ambientale delle amministrazioni locali. Meglio di così a livello nazionale è quasi impossibile fare: otteniamo simili risultati da ben tre edizioni dei ‘Tripadvisor travelers choice beaches awards’. L’anno prossimo puntiamo a occupare le prime posizioni anche a livello europeo – prosegue l’assessore – e a inserire qualche spiaggia nella top ten mondiale”.

Alle recensioni dei turisti dell’anno prima si ispirano spesso le scelte di molti viaggiatori. “Per questo – aggiunge Morandi – stiamo rafforzando la comunicazione social, così da essere sempre meglio posizionati sui mercati in un mondo sempre connesso. L’eccellenza ambientale e naturalistica delle coste sarde – conclude l’esponente della Giunta – valorizzata con il prodotto turistico rappresentato dagli itinerari attraverso le aree marine protette, è uno dei tratti distintivi della straordinaria qualità della vita in Sardegna”.

281
Il futuro dell'aeroporto del Nord Ovest Sardegna e dello sviluppo del sistema turistico
Il futuro dell'aeroporto del Nord Ovest Sardegna e dello sviluppo del sistema turistico

DETTAGLI EVENTO

7 ottobre 2016 – ore 15:00

Venerdì alle 15 ad Alghero un incontro aperto a tutti i cittadini, imprenditori e associazioni che potranno portare il loro contributo.

Quali strade percorrere e attuare per decidere le azioni da adottare per superare le gravi difficoltà vissute dal sistema turistico ed economico a causa delle incertezze sul futuro dell’aeroporto del Nord Ovest Sardegna, storica porta d’accesso all’isola.

Saranno questi i temi della manifestazione pubblica in programma venerdì 7 ottobre 2016, alle ore 15, in piazza Lo Quarter ad Alghero.

Un’occasione per ribadire il diritto alla mobilità dei sardi, alla necessità di un’adeguata programmazione per lo sviluppo del sistema turistico, pesantemente ridimensionato anche nella stagione estiva in larghi settori dei servizi extra-alberghieri. Concetti richiamati con forza più volte dal Comitato di coordinamento territoriale sul trasporto aereo composto da decine di sindaci, dai vertici del sistema delle imprese e dai rappresentanti sindacali dei lavoratori.

Anche il Comune di Stintino sarà presente all’incontro: «Dopo Alghero, anche noi non possiamo che sentirci parte lesa – afferma l’assessore al Turismo Angelo Schiaffino – perché Stintino e il settore turistico del nostro paese risentono della crisi dello scalo aeroportuale. Noi parteciperemo per sostenere l’importanza della presenza dei voli low cost e di una programmazione in tal senso».

All’incontro di venerdì, allora, sarà importante la presenza di cittadini, associazioni, imprenditori e forze politiche che potranno portare il loro prezioso contributo.

MAPPA INTERATTIVA

Nave da crociera
Nave da crociera

La Sardegna sempre più nel mirino dei turisti. Secondo i dati raccolti dalle analisi di MedCruise, l’associazione che rappresenta le destinazioni del Mediterraneo, l’Isola sarebbe una delle mete predilette dal turismo crocieristico: stando alle rilevazioni, la Sardegna chiuderà il 2015 con un totale di 560.000 passeggeri, con una previsione ancora maggiore per il 2016. Il boom turistico ha riguardato soprattutto i porti di Olbia, Golfo Aranci e la bellissima località di Porto Torres, con 300.000 passeggeri complessivi. Cagliari, invece, si ferma a 260.000.

L’assemblea MedCruise ed il successo della Sardegna

Il fascino della Sardegna non è mai stato in discussione, anzi: l’assemblea di MedCruise, infatti, ha confermato il successo turistico dell’Isola con dei numeri davvero interessanti. Il summit internazionale, assente dalle scene italiane da 7 anni, ha scelto Olbia come sede ed ha visto la partecipazione di ben 100 porti, oltre a numerosi tour operator, compagnie di crociera e giornalisti. La discussione s’è incentrata su come sfruttare al meglio l’immagine della Sardegna, per trasformarla in una meta stabile del turismo crocieristico. Secondo Francesco Morandi, assessore regionale al Turismo, il mercato delle crociere rappresenta il futuro del turismo sardo: sarebbe infatti un peccato non sfruttare un circuito che promette un’occasione di business irripetibile per la Sardegna. Sempre secondo Morandi, l’obiettivo per il 2016 è sfruttare il successo dell’Isola e la sua presenza nei cataloghi delle compagnie di crociera, per valorizzare ulteriormente la sua immagine e per animarne il commercio. L’assemblea si è poi concentrata sul sempre delicato tema dell’eco-sostenibilità: a tal proposito Carla Salvado, presidente dell’associazione MedCruise, ha sottolineato la necessità di costruire strutture portuali all’avanguardia, ma che rispettino anche la salvaguardia del pianeta.

Il boom turistico di Porto Torres

Porto Torres è senza dubbio una delle località sarde più visitate dai turisti: non poteva essere altrimenti, dato che il suo porto è l’unico della Sardegna ad avere collegamenti con la Francia. Il boom del turismo crocieristico a Porto Torres, in realtà, non è stato una novità: già ad inizio 2015, infatti, il Contrammiraglio della Guardia Costiera Nunzio Martello aveva previsto un’entusiasmante stagione turistica per il nord Sardegna, soprattutto per quanto riguardava le crociere. Ed infatti Porto Torres è stata premiata come una delle realtà più competitive nello scalo crocieristico in Sardegna: un risultato che, sempre secondo Martello, è stato il frutto di una particolare attenzione ai dettagli e alle possibilità di espansione nel settore del turismo.

D’altronde Porto Torres rappresenta una meta affascinante per un pubblico di turisti molto eterogeneo: la località sarda, infatti, può offrire cultura, tradizione, splendide spiagge e numerosi eventi caratteristici. Il comune in provincia di Sassari è uno dei centri più importanti della Sardegna: è la sua storia a dirlo, dato che il suo fondatore sarebbe niente meno che Cesare in persona. Il suo territorio, inoltre, ospita siti archeologici molto importanti come le Terme Centrali, le Terme Maetzke ed il museo Antiquarium Turritano. Per non parlare delle magnifiche distese di sabbia bianca che popolano i dintorni di Porto Torres, come la spiaggia di Balai, di Platamona e di Acque Dolci. Negli ultimi anni, grazie ad una sapiente pubblicità delle sue attrazioni, Porto Torres è diventata una destinazione fissa per molti turisti. Soprattutto per quanto riguarda il settore delle crociere.

Le previsioni per il 2016

Se il 2015 è stato l’anno del boom delle crociere in Sardegna, il 2016 sarà l’anno della definitiva consacrazione. Stando all’assessore Francesco Morandi, l’anno nuovo è destinato a segnare un nuovo record per quanto riguarda gli attracchi delle navi da crociera a Porto Torres, ed in generale nel nord dell’Isola: è una questione statistica dovuta allo studio delle tendenze del turismo crocieristico degli ultimi anni, che hanno visto balzare la media annuale di visitatori da 100.000 a 300.000.

Stintino, turista sorpreso con 10 chili di ciottoli, rischia una super multa di 9.000 euro

Il furto di ciottoli dalla spiaggia delle Saline, da parte di un turista residente a Udine, è stato scoperto dal personale della Base navale del Corpo forestale di Porto Torres. L’uomo, scoperto mentre caricava nel portabagagli della propria auto delle buste contenenti 10 chili di sabbia e ciottoli, dovrà difendersi dall’accusa di furto aggravato.

Confidiamo in una sanzione esemplare, che sia da deterrente per eventuali emulatori.

545

Progetti per scambi economici ambientali e culturali che consentano un reciproco sviluppo delle comunità. È quanto hanno concordato di avviare il Comune di Stintino e quello libanese di Deir al-Zahrani. I primi cittadini delle due comunità, Antonio Diana e Hassan Zawawi, si sono incontrati nei giorni scorsi a Stintino. Un incontro che fa seguito all’accordo siglato a giugno alla presenza dell’ambasciatore libanese in Italia Stephan Charbel, in occasione del convegno internazionale sull’ambiente organizzato proprio nel paese che si affaccia sul Golfo dell’Asinara. Comincia così a prendere corpo l’accordo di cooperazione transnazionale, “Due popoli, una cultura mediterranea”, che vedrà lavorare assieme le due comunità. L’obiettivo è quello di predisporre progetti che dovranno poi essere inviati all’Unione europea per la richiesta di finanziamenti mirati.

Il Comune di Deir al-Zahrani, nel sud del Libano, si estende su un territorio di 18 km quadrati sul quale abitano circa 12mila persone. Nella sola città, che dista 9 km dal mare, ci sono invece circa 6mila abitanti. L’economia si basa maggiormente sull’industria dell’arredamento e dolciaria, import-export, poco su agricoltura e pastorizia, mentre ancora marginale è il settore turistico, nonostante il territorio offra importanti siti storici e archeologici. «La nostra ricchezza – ha detto il sindaco Hassan Zawawi – è l’elemento umano che ha una elevata istruzione. Per questo motivo vogliamo aprire una finestra, per scambiare esperienze e avvicinarci a una realtà differente e sviluppare le nostre competenze. Qualunque progetto vorremo sviluppare, troverete una squadra ben organizzata». «Potremmo esportare le nostre conoscenze in ambito ambientale – ha fatto presente il sindaco Antonio Diana – portando anche progetti per il miglioramento dei litorali, la depurazione delle acque reflue. Inoltre si potrebbero avviare anche scambi commerciali tra le aziende, con il coinvolgimento delle rispettive Camere di commercio».

E se i settori economico, ambientale e culturale sono quelli sui quali le due amministrazioni vogliono puntare maggiormente, il sindaco libanese ha manifestato l’interesse a celebrare nel proprio Comune una festa tradizionale di Stintino nello stesso giorno in cui viene festeggiata dagli stintinesi. Un modo per stringere un gemellaggio che otterrebbe un ulteriore suggello con lo scambio reciproco di giovani studenti i quali, a turno nei due paesi, potrebbero vivere nuove esperienze e conoscere culture differenti. In ambito turistico invece, le due comunità hanno pensato di avviare uno scambio di materiale informativo che potrà essere “ospitato” negli uffici turistici o informativi dei rispettivi comuni. Dopo la riunione a palazzo comunale, il sindaco Diana ha accompagnato la delegazione libanese per una breve visita al territorio e alle spiagge. All’incontro erano presenti, per il Comune di Stintino, oltre al primo cittadino, il vicesindaco Angelo Moschella, gli assessori Angelo Schiaffino e Antonella Mariani, quindi i consiglieri Francesca Demontis e Fabio Cherchi. La delegazione libanese invece, oltre al primo cittadino, era composta dal vicesindaco Hassan Traboulsi, dal consulente per la cooperazione internazionale Qassen Tfaily e dal rappresentante dell’associazione Amici del Libano Sardegna Hamze Jammoul.

Fonte: Sassari Notizie

525
Nella foto: a sinistra Angelo Schiaffino al centro Gian Paolo Scano
Nella foto: a sinistra Angelo Schiaffino al centro Gian Paolo Scano

È stata un’occasione per incontrare l’amministrazione comunale, rappresentata dall’assessore al Turismo Angelo Schiaffino, e gli operatori locali per presentare l’iniziativa e raccogliere nuove adesioni e soci. L’incontro con GoInSardinia, avvenuto nei giorni scorsi nella sala consiliare del Comune costiero, ha permesso ai rappresentanti del Consorzio di presentare la loro attività e registrare alcune manifestazioni di interesse.

Nella foto: a sinistra Angelo Schiaffino al centro Gian Paolo Scano
Nella foto: a sinistra Angelo Schiaffino al centro Gian Paolo Scano

La società consortile che fa capo a Gian Paolo Scano sta girando l’isola per aumentare il numero dei soci e presentarsi più forte alla prossima stagione estiva. Il Consorzio funziona come un tour operator e non è una compagnia marittima, è stato spiegato. «Siamo un’isola e i trasporti condizionano la nostra economia – ha detto l’assessore comunale al Turismo Angelo Schiaffino – ecco allora che questa iniziativa, partita lo scorso anno e vista da molti con scetticismo, ha ottenuto ottimi risultati, Merita attenzione e riflessione. Crediamo che Stintino possa fare la sua parte, come amministrazione e imprenditorialità. Questo incontro era allora il passo obbligatorio per capire cosa sia GoInSardinia».

Il presidente del Consorzio, Gian Paolo Scano, i risultati li ha messi subito sul piatto: 110 mila passeggeri e 7 milioni di fatturato. Per il 2014 si punta a confermare la nave sulla tratta Olbia-Livorno. Dal Nord Europa sarebbe in arrivo una nuova nave con oltre 600 cabine che verrebbe impiegata nei soli mesi estivi. L’obiettivo poi, da raggiungere entro gennaio 2014 è quello della cifra dei 300 soci. A questi numeri si aggiungono quelli dei 200mila passeggeri, che GoInSardinia vorrebbe trasportare entro la fine della prossima stagione con tariffe low cost.

Per i soci ci sarebbe la possibilità di emettere biglietti per i propri clienti, di pubblicizzare la propria attività sul sito del Consorzio e ancora veder venduti i propri pacchetti vacanza pubblicizzati dal tour operator. L’accesso al Consorzio prevede, poi, il versamento di una quota che varierebbe a seconda dell’attività svolta. Al termine della riunione alcuni operatori turistici stintinesi hanno manifestato il loro interesse a far parte del Consorzio e nei prossimi giorni riceveranno la scheda di adesione.

Fonte: Alguer.itÈ stata un’occasione per incontrare l’amministrazione comunale, rappresentata dall’assessore al Turismo Angelo Schiaffino, e gli operatori locali per presentare l’iniziativa e raccogliere nuove adesioni e soci. L’incontro con GoInSardinia, avvenuto nei giorni scorsi nella sala consiliare del Comune costiero, ha permesso ai rappresentanti del Consorzio di presentare la loro attività e registrare alcune manifestazioni di interesse.

La società consortile che fa capo a Gian Paolo Scano sta girando l’isola per aumentare il numero dei soci e presentarsi più forte alla prossima stagione estiva. Il Consorzio funziona come un tour operator e non è una compagnia marittima, è stato spiegato. «Siamo un’isola e i trasporti condizionano la nostra economia – ha detto l’assessore comunale al Turismo Angelo Schiaffino – ecco allora che questa iniziativa, partita lo scorso anno e vista da molti con scetticismo, ha ottenuto ottimi risultati, Merita attenzione e riflessione. Crediamo che Stintino possa fare la sua parte, come amministrazione e imprenditorialità. Questo incontro era allora il passo obbligatorio per capire cosa sia GoInSardinia».

Il presidente del Consorzio, Gian Paolo Scano, i risultati li ha messi subito sul piatto: 110 mila passeggeri e 7 milioni di fatturato. Per il 2014 si punta a confermare la nave sulla tratta Olbia-Livorno. Dal Nord Europa sarebbe in arrivo una nuova nave con oltre 600 cabine che verrebbe impiegata nei soli mesi estivi. L’obiettivo poi, da raggiungere entro gennaio 2014 è quello della cifra dei 300 soci. A questi numeri si aggiungono quelli dei 200mila passeggeri, che GoInSardinia vorrebbe trasportare entro la fine della prossima stagione con tariffe low cost.

Per i soci ci sarebbe la possibilità di emettere biglietti per i propri clienti, di pubblicizzare la propria attività sul sito del Consorzio e ancora veder venduti i propri pacchetti vacanza pubblicizzati dal tour operator. L’accesso al Consorzio prevede, poi, il versamento di una quota che varierebbe a seconda dell’attività svolta. Al termine della riunione alcuni operatori turistici stintinesi hanno manifestato il loro interesse a far parte del Consorzio e nei prossimi giorni riceveranno la scheda di adesione.

NEWS

939
Cinque delle dieci spiagge più belle d’Italia sono in Sardegna. L’isola domina la classifica nazionale 2017 del portale di viaggi TripAdvisor, in base alla...

EVENTI